La mia Storia

Dalle origini alla Civiltà Nuragica

La Sardegna è una delle terre più antiche d'Europa: i suoi nuclei più remoti risalirebbero infatti all'era Paleozoica, circa 600 milioni di anni fa.
Essa formava, insieme alla Corsica, un unico agglomerato geologico, che si staccò dalle coste delle attuali Francia e Spagna, e dopo un viaggio di circa 13 milioni di anni, l'isola avrebbe quindi raggiunto la sua posizione attuale.
La presenza umana in Sardegna risale al Paleolitico, ...scopri di più

L’arrivo di nuovi popoli (Fenici, Cartaginesi, Romani e Bizantini)

I Fenici, che partivano dalle coste dell'attuale Libano, iniziarono ad approdare sulle coste della Sardegna già dall' XI sec. a.C., attratti sia dalla sua posizione favorevole al centro del Mediterraneo occidentale,sia dalle sue risorse minerarie. Ben presto, a partire dal IX sec. a.C. da questi approdi nacquero delle vere e proprie città: Karalis, Nora, Bithia, Sulcis, Tharros, Bosa, Torres, Olbia.
Nel VI sec. a.C., poiché l'espansione fenicia continuava nell'entroterra, i nuragici attaccarono le città costiere, ...scopri di più

Il periodo giudicale ed Eleonora d’Arborea


I Giudicati furono quattro regni indipendenti che si svilupparono in Sardegna fra il IX ed il XV secolo. Erano stati democratici, perché le decisioni spettavano ai rappresentanti del popolo riuniti in un parlamento (la Corona de Logu), erano sovrani perché non riconoscevano nessuno al di sopra di sé e al contrario della maggior parte degli stati coevi, non erano di proprietà del sovrano, ma appartenevano al popolo, il quale con un giuramento lo affidava al giudice tramite la Corona de Logu.
A capo dello stato stava il giudice, che era ... scopri di più
 

Dal dominio spagnolo sino ai giorni nostri


Il periodo spagnolo dell'isola durò in tutto circa quattro secoli. Essa era sotto il controllo di un viceré, con un regime di tipo feudale e il Parlamento sardo, convocato ogni dieci anni, aveva rilevanza pressoché nulla. L'isola visse un lungo periodo di isolamento dai fermenti culturali italiani, di decadenza, carestie, attacchi barbareschi: per questo furono infatti costruite sulle coste dell’isola, a partire dalla seconda metà del XVI secolo, una serie di torri di avvistamento, dette oggi torri spagnole. Inoltre in campo artistico si ebbe lo sviluppo dell'architettura e dell'arte sacra. Furono edificate infatti numerose chiese ... scopri di più